Che cosa è il Self-Publishing?

Il Self-Publishing è un fenomeno editoriale internazionale in rapida crescita nello scenario editoriale italiano. A differenza delle case editrici tradizionali, l’editoria in Self-Publishing permette all’autore di avere il controllo su tutto il processo creativo e sulla vendita del “prodotto finito”. Con l’auto-pubblicazione è l’autore a capo di tutto il processo di creazione, produzione e promozione dell’opera. Allo stesso tempo il diritto d’autore, tutti i diritti accessori e i ricavati dalle vendite del libro sono esclusivamente dell’autore.

Nelle dinamiche di un mercato saturo come quello editoriale attuale, un autore sconosciuto, seppur in possesso di un ottimo testo, potrebbe avere non poche difficoltà ad essere accettato da una casa editrice tradizionale, a causa delle vendite imprevedibili del libro di un nuovo arrivato. Le case editrici tradizionali, al momento, preferiscono libri che interesseranno il mercato di massa e difficilmente accetteranno un lavoro destinato ad un piccolo pubblico, abbandonando così segmenti di mercato definiti di nicchia che hanno difficoltà ad ottenere validi testi che soddisfino le proprie esigenze.

Con l’avvento del Self-Publishing i nuovi scrittori di oggi devono affrontare una concorrenza senza precedenti nel mercato della scrittura. Sempre più spesso ci si imbatte in prodotti osannati dai blog e con recensioni a cinque stelle che necessitano ancora di un serio lavoro di editing o correzione di bozze. Questo fenomeno danneggia tutti gli autori rendendo la realizzazione del settore editoriale dell’auto-pubblicazione sempre più complesso e difficile.

self-publishingIl Self-publishing è un modello editoriale in cui la figura dell’autore e quella dell’editore coincidono e si uniscono a quella dell’imprenditore.
Su Selfpublishingitalia analizzeremo in dettaglio questi ruoli, quali competenze siano necessarie per svolgerli e come acquisirle, e quali possano o debbano essere delegate ad altre figure di cui l’autore (self-publisher) si avvale nell’ambito del proprio team editoriale.

Il self-publisher “autore” decide in autonomia cosa scrivere, sia come argomento che come formato e lunghezza del testo, programma la propria attività di scrittore sul breve e il lungo termine, si impegna a migliorare la propria arte e la propria tecnica, mette da parte nuove idee e, ovviamente, scrive.

Il self-publisher “editore” è un editore a tutti gli effetti. Deve gestire la preparazione del prodotto editoriale fino alla sua pubblicazione (editing, correzione di bozze, formattazione, creazione della copertina, descrizione del libro, individuazione dei generi e dei sottogeneri, quindi del target, selezione dei canali di distribuzione, prezzo del libro, preparazione dei vari formati, ecc…) e tutte le attività a essa correlate (aspetti fiscali, protezione del diritto d’autore, acquisizione dei codici ISBN, cessione di diritti accessori e così via).

Il self-publisher “imprenditore” deve fare in modo che gli sforzi compiuti come autore e editore siano in qualche modo ripagati. Deve creare un proprio brand, mettere in pratica le tecniche di promozione necessarie, studiarne sempre delle nuove, e occuparsi di tutti quegli aspetti che permetteranno al prodotto editoriale di giungere al proprio target di lettori.

A questo punto vi starete dicendo: “Perfetto! Dopo i tempi di attesa infiniti e i rifiuti delle case editrici finalmente posso pubblicare “la mia creatura” subito!….” Ehmm no, non funziona proprio così…

Il Self-Publishing è sicuramente un ottimo mezzo editoriale ma non esiste la formula magica che garantisce il successo della pubblicazione. Scrivere un buon libro è sicuramente una buona base di partenza ma non è certamente sufficiente; in realtà, una volta che hai scritto il tuo libro, non sei nemmeno a metà strada. Finito il lavoro di self-publisher “autore”, dovrai dedicarti al lavoro di self-publisher “editore” e self-publisher “imprenditore”!

La domanda che mi viene posta più spesso a questo punto è: “Ma se devo fare tutte queste cose quando avrò il tempo di scrivere?”

La realtà è che gli aspiranti scrittori di oggi devono capire esattamente la portata e l’impegno che può essere richiesto nel sottoporsi al processo dell’auto-pubblicazione e se possibile affidarsi a figure professionali che possano supportarli nel lavoro di editore e imprenditore e affiancarli passo dopo passo verso il raggiungimento degli obiettivi.